I Falangisti cercarono di salvare Lorca

 

Nel maggio del 1965 una scrittrice francese, Marcelle Anclair, invio’ una lettera all’ ambasciatore spagnolo a Parigi, Fernando Maria Castiella, chiedendogli di poter avere una documentazione sulla morte del grande poeta Federico Garcia Lorca,perché intenzionata a scrivere una biografia sul poeta granadino.

L’ambasciatore spagnolo giro’ la richiesta al suo governo e trovo’ nell’allora ministro del turismo, Manuel Fraga Iridarne ( colui che nel post franchismo fu  fondatore di Alianza Popular da cui poi nacque l’attuale Partito Popalre spagnolo ) un aiuto insperato.

Egli infatti autorizzo’ le autorità competenti a fare una ricerca sulla fine del poeta.

Ironia della sorte il compito di fare la ricerca e redigerne una relazione ufficiale fu affidato a Julio Fernandez-Amigo, un poliziotto che tanti anni prima fu l’ultimo uomo a visitare in cella il poeta, poche ore prima che venisse fucilato.

Il documento ufficiale che relaziona su quei fatti, a parte alcuni errori cronologici, contiene alcuni dati molto interessanti.

Viene confermato il fatto, sconosciuto ai piu, che Lorca scappo’ da Madrid, per la cronaca zona rimasta in mano ai repubblicani e quindi in teoria seconda la vulgata comune dove c’erano i suoi amici, per cercare rifugio a  Granada, zona sotto il controllo delle truppe franchiste, in casa di una delle piu’ potenti famiglie falangiste di quella provincia Andalusa: i Rosales Camacho.

Prima domanda che sorge spontanea: se Federico Garcia Lorca fosse stato veramente un militante di sinistra come dissero fascisti e antifascisti, perche’ scappo’ da una zona sotto il controllo degli antifascisti per trovare rifugio in una zona sotto il controllo degli avversari? Nel documento la risposta c’è.

Viene infatti riportato nelle relazione ufficiale che il 16 agosto del 1936 un deputato della Ceda ( un partito democristiano di destra che si era schierato con Franco) Ramon Ruiz Alonso, insieme ad alcuni miliziani e guardias de asaltos, ossia elementi dei corpi di polizia, si recarono presso la sede granadina della Falange dove, incontrato il jefe de bandera della Falange,Miguel Rosales Camacho,  gli venne comunicato  che avevano un ordine di arresto per  Federico Gracia Lorca e si fecero accompagnare nella sua casa di famiglia in cui sapevano fosse ospite il poeta e procedettero all’esecuzione del mandato di cattura.

Immediatamente i vertici della Falange locale si recarono, cosi’ è riportato nel documento ufficiale,  presso il governatore civile provinciale,Miguel Valdes Guzman per protestare su quanto accaduto e avere delle garanzie sullo stato di Lorca.  Dall’incontro uscirono rassicurati del fatto che il poeta non passasse seri pericoli.

Invece  altri esponenti della coalizione franchista, quella cattolica e reazionaria, a dispetto del fatto che la Falange cerco’ di difendere il poeta, avevano già deciso per una sentenza di morte.

Lo accusavano di tre “terribili reati”, agli occhi del pensiero franchista reazionario.

Il primo era di essere un massone aderente alla loggia Alhambra con il nome di Homero.

Un fatto falso, non risulta da nessuna parte che Lorca fosse massone. Ma questo elemento di accusa era importante vista la fobia anti massonica di Francisco Franco

In secondo luogo  che Lorca fosse amico di un famoso politico socialista e quindi che anche lui fosse un simpatizzante di quel partito.

Sicuramente Lorca non fece mai politica attiva e solo dopo la sua morte divenne una icona della sinistra che strumentalizzo’ il suo brutale assasinio.

Di certo aveva amici sia a sinistra che  nella Falange di Jose’ Antonio Primo di Rivera un movimento che aveva tra le sue file numerosi intellettuali, poeti, scrittori e pittori dell’epoca, molti dei quali proprio amici di Federico Garcia Lorca.

E’ nota e provata tra l’altro la stima reciproca fra il capo della Falange e il poeta tanto che si incontrarono almeno una volta, grazie ad amici comuni, per conoscersi personalmente.

Proprio in virtu’ di cio’ gli esponenti di Granada della Falange  diedero a Lorca prima rifugio e poi cercarono di salvarlo.

La terza accusa che  fu mossa al poeta, sempre secondo il documento ufficiale del 1965, era quella che, vox populi e’ scritto testualmente nella relazione, fosse omosessuale e questa era l’unico fatto vero che svela la vera natura dell’uccisione del poeta: un atto di violenza omofoba compiuta dalla componente clericale e reazionaria della coalizione nazionalista che vedeva proprio nella Ceda i suoi esponenti piu’ rappresentativi e non a caso furono loro ad eseguire questo omicidio nonostante la ferma difesa dei falangisti locali.

Questa relazione ufficiale sulla morte di Garcia Lorca redatta nel 1965  dall’ispettore di polizia Fernandez-Amigo è stata tenuta secretata fino ai giorni nostri e solo poche settimane fa è stata resa pubblica e riporata dai media spagnoli.

Un’occasione per riaprire le polemiche sulla morte del grande poeta grandino, ma tutti si sono concentrati sulla stupidita’ delle accuse che hanno portato alla sua fucilazione.

Nessun ha parlato o sottolineato  fatto importante che emerge dal documento, unico elemento di novita’ contenuto in quell’atto, che i falangisti cercarono di salvarlo e che per questo furono anche oggetto di dure recriminazioni come scritto sempre nella relazione ufficiale.

Troppo complicato dividere e spiegare le anime che componevano il bando nazionale, troppi pregiudizi ancora sulla Falange per fare dei distingui tra loro e la componente clericale e reazionaria franchista.

Molto piu’ semplice sostenere che il grande poeta Federico Garcia Lorca sia stato ucciso dai fascisti tout court: una spiegazione semplice e politicaly correct.

Della verità storica continua a non interessare nessuno anche qui in Spagna, almeno fino a quando la guerra civile avra’ un peso all’interno del dibattito politico nazionale.

Per la Storia, quella vera con S maiuscola c’è ancora da aspettare, eppure la scoperta di questo importante documento poteva essere un’ottima occasione.

Peccato, un’altra occasione persa.

Eran las cinco en punto de la tarde…….

 

 

 

 

 

Be first to comment