Da morire a vivere alla resa

Le forze dell’ordine avevano cercato con gli arresti preventivi e le espulsioni di evitare il peggio, ma la magistratura aveva rimessi in libertà i black blocs stranieri presi con le mani nel sacco dalla polizia mentre preparavano armi e strumenti per la guerriglia urbana e così  hanno potuto  partecipare alla manifestazione di Milano no Expo.

Per mesi su molti siti e nei dibattiti pubblici hanno attaccato le forze dell’ordine,  prendendo spunto dalle violenza della Diaz e da altri episodi circoscritti, dicendo che in Italia la polizia e’ troppo violenta. Molti di coloro che hanno criticato la polizia per la loro presunta condotta violenta, oggi, dagli stessi siti, sostengono che sono stati troppo morbidi con i manifestanti violenti che hanno devastato il centro di Milano, addirittura ipotizzando una sorta di complicità

Diciamo che dopo aver cambiato nell’inno nazionale la frase siam pronti alla morte in siam pronti alla vita, non ci resta che fare un passaggio ulteriore, una seconda modifica: siam pronti alla resa.

Be first to comment